Il racconto dei racconti

Lunedì sera sono andata a cinema a vedere " Il racconto dei racconti" di Matteo Garrone. Il film è tratto dalla raccolta di fiabe "Lo cunto de li cunti" di Giambattista Basile.

3.1Lunedì sera sono andata a cinema a vedere ” Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone. Il film è tratto dalla raccolta di fiabe “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile. 

Il film è un intreccio di 3 episodi:

  1. 1Il primo riguarda una coppia reale che non riesce ad avere figli. La regina è pronta a tutto per averne così si affida a uno negromante che gli dice che la donna dovrà mangiare il cuore di drago marino che deve essere cucinato da una vergine. Nel recuperare il cuore il re muore. Tuttavia la regina contemporaneamente alla vergine che aveva cucinato il cuore rimane incita. Il racconto riprende sedici anni dopo. Il figlio della regina, Elias, e il figlio della serva, Jonah, si assomigliano molto e sono inseparabili amici. La regina tenta in ogni modo di separala, ma quando Jonah sarà in pericolo Elias abbandona il palazzo per correre in suo aiuto. Però ci vorrà il sacrificio della regina per salvare i due ragazzi.
  2. 2Il secondo episodi riguarda un’altra famiglia regnante. Il re sviluppa un particolare rapporto con una pulce, la quale diventando giorno dopo giorno sempre più grassa finisce per morire. Nel frattempo la principessa Viola è desiderosa di sposarsi così il padre organizza un particolare torneo: solo chi riuscirà ad indovinare a quale animale appartiene la pelle del suo animale ormai morto potrà aggiudicarsi in sposa la figlia. In questo modo Viola finisce in sposa con un “orco”. Lei giungerà ad ucciderlo per liberarsene e per poi tornare a casa.
  3. L’ultimo episodio tratta di due vecchiette che non escono mai dalla loro dimora. Ma un giorno il canto di una delle due ammalia il re che però non riesce a guardarla in faccia. Il re cerca di sedurla, ma Dora gli pone un patto: lei sarà disposta a una notte d’amore con lui, se tutto avverrà nel completo buio. Tuttavia il re durante la notte accende una candela per guardarla mentre dorme e spaventato ordina alle guardie di buttarla giù dalla finestra. Dora si salva tra i rami degli alberi e grazie all’aiuto di una donna che per farla riprendere l’allatta al seno. Questo fa si che il giorno dopo Dora si sveglia giovane e bella. Dora finisce così per sposare il re che ovviamente non la riconosce più. Tuttavia l’incantesimo col tempo svanirà.

3

 Il film dal punto della fotografia e dei costumi è davvero ben fatto e direi proprio fiabesco. Tuttavia il come sono stati intrecciati i racconti e i dialoghi mi hanno deluso, anzi annoiato. L’unica domanda che ci si chiede alla fine, ma tutti quei posti che si vedono nel film esistono veramente? Ebbene, sì. Il film è stato girato interamente in Italia e devo dire che è l’unica cosa che non mi ha fatto pentire del costo del biglietto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*