Il paradiso degli orchi

Il libro è il primo di un ciclo che ha sempre come protagonista Malaussène.

Ciao ragazzi! Oggi torno con una nuova lettura!  :mrgreen: 

Quest’estate ho letto molto rispetto gli anni precedenti. Ho voluto e cercato delle vacanze più tranquille e rilassanti, in cui ho potuto dedicarmi con calma alla lettura. 

Eccomi, che vi presento un libro che va letto tutto d’un fiato: “Il paradiso degli orchi”. Un libro a dir poco travolgente e soprattutto molto divertente. 

Il libro è il primo di un ciclo che ha sempre come protagonista Malaussène.

Malaussène è apparentemente addetto al controllo tecnico al Grande Magazzino, ma in realtà capro espiatorio. In lotta con se stesso e il suo lavoro che capirà essere uno stile di vita, egli ci fa ridere già dalle prime pagine. La storia di base è un thriller, ma viene raccontata poco alla volta con fantasia e simpatia anche dallo stesso personaggio. Egli è anche narratore nella stessa narrazione. Infatti Malaussène invece delle solite fiabe della buonanotte ai suoi fratelli più piccoli preferisce inventare altre versioni degli omicidi che colpiscono il Grande Magazzino e che lo vedono sempre coinvolto. Il lettore è inserito in un vortice alla cerca dell’assassino. Il problema fondamentale comunque non è l’assassino, ma tutta la storia che si cela dietro queste morti. Tuttavia, il lettore comprende solo alla fine del libro cosa davvero è successo.

Siamo in una Parigi moderna, dove la famiglia la fa da padrone. La famiglia però è ormai allargata. E’ lo staff di sostegno del personaggio, anche nelle sue indagini. I vecchi stereotipi di padre e madre non messi in discussione, ma completamente messi da parte. Tutto gira attorno a Malaussène e ci si chiede il perché. Nonostante sia la persona in famiglia più psicolagicamente “normale” tutto inizia e finisce con lui sempre nel mezzo. Quello che si potrebbe dire un caso clinico di perenne sfortuna per questo personaggio.

Misterioso, ironico, appassionante. Leggetelo!

 

DSC_0441

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*